venerdì 4 settembre 2015

Guinea Pigs


La poesia del girar in tondo non è che la puoi spiegare.
O la capisci, oppure no. Voglio dire: è più naturale appassionarsi, che so, ad una gara tra i monti, per la campagna o per una bella città. E (forse) anche in uno circuito invernale tra la palta. L'amore per l'ovale rosso mica lo puoi spiegare invece .
Sarà che lì ho cominciato.
O forse sarà che in pista si corre di Podismo D' Altri Tempi. Due euro ti iscrivi, niente ristori, niente nomi roboanti, chip, pacchi gara. Che poi nessuno che rompe le palle che la maglietta tecnica è una XL anzichè una L e che nel pacco non c'era l' Enervitte.
Sarà.
Fatto sta che una sera di settembre ti capita un 10000 vicino a casa e ci trovi tanta roba, sincera che manco ricordavi più.
Basta davvero poco alla fin fine.....


March of Time, Helloween, è il pezzo del giorno. Che per me si corre per il tempo. Ma per gioco e senza spocchia. Ma ne riparleremo....


2 commenti:

  1. GGG a parte...sante parole ;-)

    RispondiElimina
  2. GGG?Gruppo giudici gara?Gran'gigante'gentile?ps:Danì..sò svaccato..al mare fin a sabato :-O

    RispondiElimina