giovedì 31 marzo 2016

Cigar Box Guitar - "Numero Zero" - La resa dei conti


Come si dice.....a bocce ferme è ora di fare la conta degli errori. Tutto sommato è andata meglio del previsto. La Cigar Box Guitar è uscita carina, con un suo fascino e, nel suo ambito (strumenti da strada, dal suono ruvido...cose per uomini duri insomma), è decisamente accordata.
Ma di magagne ne sono saltate fuori. La prima, evidente, è nel posizionamento del ponte. 


Il pickup piezo posto al di sotto del ponte stesso offre una buona resa con la chitarra amplificata. Ma appena la si suona unplugged...no, non ci siamo. Troppo vicino al bordo ma, soprattutto, l'architettura con manico passante se da una parte è tipica per queste chitarre e offre gran robustezza, dall'altra  non permette alla cassa di risuonare come si deve.



  
Anche i soundholes sono di sicuro da rivedere. Alla fine sono stati realizzati per convenienza di punta trapano. Ma qualche ragionamento in più sarebbe da fare.


Altro errore grosso come una casa è poi nei tasti. La spaziatura è andata benissimo, smentendo i timori in fase di costruzione. E' invece l'altezza dei frets che sarebbe stata da curare meglio. Al decimo tasto, ad esempio, la corda va a vibrare su uno dei fret successivi, maledettamente troppo alto e, ça va sans dire, il suono è disturbato assai. 
Come previsto il manico in abete è leggerino, tant'è che non abbiamo potuto applicare la classica accordatura SOL-RE-SOL. Ma tutto sommato una FA-DO-FA non sta per ora dando problemi.
In sintesi, il disegno è migliorabile. Un manico in faggio o mogano (che al Brico sotto casa siamo risuciti a trovarli) costicchia un po' di più, ma di sicuro andrebbe meglio per accordare. Maggior cura nei frets (altezza) sarà da tenere conto. E soprattutto, in vista di un qualcosa più efficace acusticamente, si potrebbe uscire dal seminato e valutare un manico diverso, che permetta alla cassa di vibrare meglio, unito ad un ponte un po' più distante dal bordo cassa.

E magari ancora con una scala un po' più compatta per ridurre la tensione, certo pagando un po' in sustain, ma con minore tensione delle corde. La "Numero zero" è 25.5...l'idea potrebbe essere scendere a 24.75'' o, ancora più estremo, tipo 23.5 (credo la Gibson fece qualcosa del genere).

Bhe...insomma...lavori in corso e ...sfruttando un po' i tool lavorativi...


Nessun commento:

Posta un commento